Strategia e struttura degli obiettivi del PON
“Competenze per lo sviluppo”


 

In coerenza con le missioni specifiche dei due Fondi Europei F.S.E. e F.E.S.R., con il PON “Competenze per lo Sviluppo (F.S.E.), si intende incidere sulla preparazione, sulla professionalità delle risorse umane e sugli esiti degli apprendimenti di base; con il PON “Ambienti per l’apprendimento” (F.E.S.R.), si intende influire sulla qualità delle infrastrutture  scolastiche, sul loro adeguamento ai fini didattici, sul risparmio energetico, sulla sicurezza e la qualità delle attrezzature per rendere la scuola accessibile, attraente e funzionale all’apprendimento.

La strategia operativa dei Programmi Istruzione 2007-2013 - F.S.E. e F.E.S.R.- è fondata su due impatti prioritari:

 

1. più elevate e più diffuse competenze e capacità di apprendimento di giovani e adulti, da raggiungere in coerenza con la strategia della politica ordinaria per l’istruzione - potenziamento dell’autonomia, estensione dell’obbligo a 16 anni e, definizione di livelli degli apprendimenti nell’area dell’istruzione secondaria di primo grado e del biennio dell’istruzione di secondo grado, la cui organizzazione dovrebbe contemplare le tre aree dei licei, dell’istruzione tecnica e di quella professionale, riorganizzazione e rafforzamento dei Centri per l’educazione degli adulti;

2. maggiore attrattività della scuola anche in termini di ambienti ben attrezzati per la didattica, sicuri e accoglienti per contrastare gli abbandoni precoci e attenuare gli effetti di quei fattori di contesto, interni ed esterni alla scuola, che influiscono su motivazioni, impegno e aspettative dei giovani e delle loro famiglie.

 

Si tratta di obiettivi che richiedono prioritariamente interventi su tutti quei fattori che, direttamente o indirettamente, influiscono sulla qualità del sistema (in quanto esso stesso determina le aspettative di vita e di lavoro dei giovani e degli adulti): la formazione del personale scolastico e, in particolare dei docenti, lo sviluppo dell’autonomia scolastica in tutte le sue forme, la sicurezza delle strutture scolastiche e la loro qualità anche in riferimento alla ecosostenibilità ed attrattività, i servizi sociali quale supporto alla scuola e alle famiglie, la fiducia nelle istituzioni e nel futuro, la consapevolezza di poter spendere le competenze acquisite a scuola nel mondo del lavoro e di poter accedere a beni e servizi, senza rischio di esclusione e in un clima di sicurezza.

Considerate le strategie sopraesposte, le priorità indicate nel programma finanziato dal Fondo Sociale Europeo “Competenze per lo Sviluppo”, che come è noto interviene per promuovere l’occupazione con azioni formative, per il settennio di programmazione,riguardano:

a) lo sviluppo degli strumenti e la capacità diagnostica;
b) la formazione del personale della scuola;
c) il miglioramento delle competenze di base dei giovani;
d) lo sviluppo della società dell’informazione;
e) la promozione di reti fra scuole e con il territorio;
f) le iniziative per promuovere il successo scolastico, le pari opportunità e l’inclusione sociale;
g) la promozione di un sistema di formazione lungo tutto l’arco della vita;
h) il miglioramento e potenziamento della capacità istituzionale (
governance) e del sistema di valutazione nazionale.

Di seguito viene presentato un quadro riassuntivo che permette di evidenziare 
Assi, Obiettivi Globali e Specifici del Programma Operativo F.S.E. 2007-2013 con riferimento sia al Regolamento n. 1083/2006 del Consiglio, sia al Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 (Q.S.N.), in particolare alla priorità 1 “Miglioramento e valorizzazione delle risorse umane”, i cui obiettivi sono stati ampiamente condivisi nel corso del processo di definizione dello stesso Q.S.N..

 

 

 

Assi F.S.E.

Obiettivi di Asse

Obiettivi specifici

Asse I

Capitale umano

Espandere e migliorare gli investimenti nel capitale umano promuovendo

 

1)l’attuazione di riforme di sistemi di istruzione e formazione in special modo per aumentare la rispondenza delle persone alle esigenze di una società basata sulla conoscenza e sull’apprendimento permanente;

a) Sviluppare la capacità diagnostica e i dispositivi per la qualità del sistema scolastico

b) Migliorare le competenze del personale della scuola e dei docenti

c) Migliorare i livelli di  conoscenza e competenza dei giovani

d) Accrescere la diffusione, l’accesso e l’uso della società dell’informazione nella scuola

 

e) Sviluppare reti tra gli attori del sistema e con le istanze del territorio

2) una maggiore partecipazione all’istruzione e alla formazione permanente anche attraverso azioni intese a ridurre l’abbandono scolastico e la segregazione di genere e ad aumentare l’accesso e la qualità dell’istruzione iniziale.

 

f) Promuovere il successo scolastico, le pari opportunità e l’inclusione sociale

g) Migliorare i sistemi di apprendimento durante tutto l’arco della vita

Asse II

Capacità istituzionale

Rafforzamento della capacità istituzionale e l’efficienza delle pubbliche amministrazioni e dei servizi pubblici a livello nazionale in una prospettiva di riforme; miglioramento della regolamentazione e buona governance nel settore dell’istruzione.

h) Migliorare la governance e la valutazione del sistema scolastico

Asse III

Assistenza tecnica

Assistenza Tecnica

i) Migliorare l’efficienza, efficacia e la qualità degli interventi finanziati, nonché la verifica e il controllo degli stessi

 

l) Migliorare e sviluppare modalità, forme e contenuti dell’informazione e pubblicizzazione del Programma, degli interventi e dei risultati

 

Il Programma prevede, infine, la possibilità di sviluppare progetti innovativi e progetti multiregionali e transnazionali. Le relative azioni saranno sviluppare nei prossimi anni di programmazione. 

Vai all'inizio della pagina