Il Circolo Didattico “A. De Gasperi” è ubicato nel territorio del Comune di Capaci.
Il territorio del Comune si affaccia a NORD sul mar Tirreno, ed è compreso tra il Comune di Isola Delle Femmine ad EST e quelli di Carini e di Torretta ad OVEST. 15 Km lo separano da Palermo e 15 dall’aeroporto”Falcone e Borsellino”.
Il territorio è attraversato dalla ferrovia PA-TP dall’autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo, arterie che costituiscono le principali vie di comunicazione tra il capoluogo di Provincia e l’estremità occidentale dell’Isola.
Nel territorio sono presenti beni archeologici, architettonici ed artistici come la Chiesa Madre in stile barocco al cui interno si trovano pregiati dipinti realizzati da G. Tresca; il palazzo dei conti Pilo con l’attiguo monastero di S. Chiara; la necropoli e le grotte che hanno restituito numerosi reperti che testimoniano un passato preistorico particolarmente interessante.
La popolazione risulta caratterizzata da una certa mobilità e per questo eterogenea per tradizione e cultura, ma anche per condizione socio-economica-culturale. La vicinanza con la grande città e con gli altri comuni, infatti, è motivo di flusso migratorio per la ricerca di alloggi ad un costo contenuto, movimenti, questi, che hanno trasformato l’aspetto originario di “paese” in un quartiere periferico della grande città. Data la posizione geografica del territorio, l’utenza scolastica è caratterizzata da alunni provenienti sia dal Comune di Capaci sia da comuni limitrofi.
Nella realtà cittadina, quindi, manca ora una memoria storica comune in cui riconoscersi e ritrovarsi. In tale contesto risulta difficoltoso creare quelle sinergie che consentono di sfruttare al massimo il potenziale di idee e risorse umane occorrenti per affrontare e risolvere problemi di una società composita e con bisogni sempre maggiori.


 

L’economia del Comune si basa essenzialmente sulle attività del terziario: commercio, artigianato (in prevalenza edile) e settore turistico, che è in via di sviluppo e si sta affermando come la maggiore risorsa del territorio.
Un fenomeno che contraddistingue la popolazione è il pendolarismo per motivi di lavoro e di studio verso la città. Inoltre, molti lavoratori delle industrie dell’ASI (Area di Sviluppo Industriale compresa tra Isola delle Femmine e Carini), risiedono nel Comune di Capaci.
I dati desunti dalle relazioni sociali, L.328/2000 elaborate da Comuni-ASL-Scuole-Istituzioni sociali, del comprensorio n°34 di Carini, evidenziano quale indicatore sociale di malessere dei minori, la mancanza di stimoli culturali.
Un’osservazione accurata dei comportamenti giovanili fa supporre una perdita dei valori sociali e culturali, infatti si nota nei giovani una modesta sensibilità civica che si manifesta con lo scarso rispetto delle regole di convivenza civile. Risulta complesso l’esame delle cause di cui sopra ma si ritiene che in parte ciò è da imputare alla crisi della famiglia, come prima agenzia educativa, e trasmettitrice di valori morali e di modelli da seguire. Spesso la famiglia o assume atteggiamenti iperprotettivi che non permettono al bambino di acquisire autonomia, sicurezza e fiducia in se, o delegano ad altro (tv, computer, giochi virtuali) il compito di educare in senso generale ed esaustivo i propri figli. A questo si aggiunge una realtà sociale che ha nel consumismo e nella prevalenza dell’immagine rispetto alla sostanza il substrato in cui si muove ed agisce.
Sul territorio sono presenti poche agenzie aggregative (parrocchia, boy scout, palestre, scuola di calcio, ludoteca), che non riescono a soddisfare i bisogni della collettività.

 

 
Vai all'inizio della pagina